Allattare mette al riparo dal rischio di rimanere incinta?


Sebbene per molte neomamme il pensiero del sesso sia lontano mille miglia (punti di sutura, stress, depressione post partum, libido azzerata…), ce ne sono molte altre (avventurose, fortunate o semplicemente bramose di recuperare la propria vita sessuale al 100%) che non perdono tempo e già pochi giorni dopo il parto tornano a fare l’amore. Ps…beate loro!

A quel punto però sorge frequentemente un dubbio…è vero che mentre si allatta si è protette dal rischio di rimanere incinta?  L’esistenza di tanti fratelli la cui data di nascita dista solo pochi mesi l’uno dall’altro, potrà già suggerirvi che la risposta è NO: l’allattamento non è un sistema contraccettivo affidabile!

Sebbene molti credano che allattare permette di ritardare il momento della ritorno alla fertilità, la verità è che, sia che si allatti o no, la maggior parte delle donne torna ad ovulare tra i 45 e i 94 giorni dopo il parto  (da 1 mese e mezzo ai 3 mesi e mezzo dopo il parto). In verità, alcune ovulano ad appena 25 giorni di distanza dal parto e per questo si consiglia di iniziare a prendere misure contraccettive già dopo 3 settimane dal parto, se si hanno rapporti sessuali.

Perché l’allattamento possa riuscire a ritardare veramente il ritorno alla fertilità, deve essere fatto in maniera intensiva, secondo quando sostiene il metodo conosciuto come LAM (Metodo dell’Amenorrea da Lattazione): il bambino dovrà essere allattato a tempo pieno, di giorno e di notte. Questo significa almeno 6 lunghe poppate nelle 24 ore, ad intervalli non superiori alle 4 ore di giorno e 6 di notte. Al bambino non deve essere dato alcun altro cibo, fluido o solido. Insomma armatevi di buona voglia e auguri! Tra l’altro questo metodo vi proteggerà solamente fino al 5°- 6° mese, momento in cui inizierà lo svezzamento del piccolo.

A disposizione delle mamme che allattano ci sono vari sistemi contraccettivi: la combinazione preservativo nelle prime 3 settimane e mini pillola in seguito è generalmente la preferita.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s