Sesso a scuola? Non ne parliamo. Ma nemmeno in famiglia, sui giornali, in tv…

educazione-sessuale

Non è una provocazione: anche se tutti i giorni siamo sommersi da stimoli visivi, scandali, notizie di cronaca in cui il sesso è protagonista, in realtà sul sesso sappiamo veramente poco.

Quanti di voi hanno ricevuto a scuola un’educazione sessuale di base? Pochi, probabilmente. I più fortunati avranno assistito ad una singola lezione che spesso è stata la prima ed anche l’ultima sul tema. Svoltasi in un’ora “buca”, magari alla fine della giornata scolastica, che impatto ha avuto sulla nostra vita sessuale? Quasi nessuno, oserei dire.

Perché è ovvio, noi “non abbiamo tempo da perdere in quelle sciocchezze, e poi i giovani sanno tutto”. Suona familiare a qualcuno?

Bè, se non a voi, a quanto pare suona molto familiare ai 200 giovani italiani che hanno risposto al report 2011 della Giornata mondiale della Contraccezione. Già, perché se prendiamo in considerazione il fatto che:

  • il 55% dei giovani tra i 15 ed i 19 anni ha già avuto rapporti sessuali;
  • il 31% non ha usato alcun metodo contraccettivo;
  • il 24% ha dato come spiegazione il fatto che “la contraccezione non mi piace”;

capiamo che qualcosa non sta funzionando a dovere, e che la risposta non ufficiale al titolo del sondaggio, “Informati o dis-informati”? non è di certo “Buona la prima!”.

Lasciando perdere i casi estremi, come quel 3% che ha ammesso di non essersi protetto perché era ubriaco/a in quel momento (pensate comunque che in Francia è l’8% ed Inghilterra il 15%!), si capisce quanto occorra davvero lavorare per diffondere la cultura della contraccezione in Italia.

Perché gli effetti di questa mancanza di cultura non sono solo teorici: il 26% degli intervistati ad esempio ha dichiarato di conoscere qualcuno che ha avuto una gravidanza indesiderata.

Ma qual è l’ostacolo fondamentale da superare? Cosa blocca la conoscenza dal diffondersi? Secondo noi, tutto ruota attorno ad una sola parola: imbarazzo.

Per il 53% dei giovani risulta infatti impossibile parlare di sesso e contraccezione in famiglia, mentre per il 47% nemmeno il medico rappresenta una figura con la quale potersi confidare.

No, non è una provocazione. Del sesso, tanto sbandierato su giornali, riviste e televisioni, si sa ancora poco o nulla. La via d’uscita forse sta nell’educazione, ma… come fare?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s