Parola all’Andrologo

Dott. Andrea Militello su Salute Lui & Lei

Militello Andrea, Urologo Andrologo

Dott. Andrea Militello

Il Dott. Militello è Urologo Andrologo e collabora con Salute Lui & Lei sia attraverso la pubblicazione di articoli specialistici sulle patologie che colpiscono gli uomini e che sono fonte di preoccupazione nell’ambito della coppia, sia rispondendo alle vostre domande nella categoria “Parola all’Andrologo”.

Se avete dubbi o domande contattatelo!

Curriculum vitae del dott. Andrea Militello

Urologo Andrologo perfezionato in Ecografia specialistica e Urodinamica
Laurea in “Medicina e Chirurgia conseguita nel luglio 1991
con votazione di 110/110 e lode
presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”,
discutendo la tesi sperimentale:
”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”

Nel 1990 ha conseguito il
diploma della Scuola Medica Ospedaliera di Roma e della Regione Lazio in Chirurgia Pediatrica

Nel 1991 ha vinto il concorso d’ammissione alla
Scuola di specializzazione in Urologia I del Policlinico “Umberto I” di Roma, in qualità di specializzando n.o.

Nel novembre 1996 ha conseguito la
specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode
presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale:
”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”

Militello Andrea, Urologo Andrologo

Dott. Andrea Militello

Nel 1997 ha vinto il concorso di ammissione alla
Scuola Perfezionamento in Ecografia Nefro-Urologica
presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”

Incarichi attuali :

Responsabile del Servizio Emodialisi e Responsabile Urologo presso la Casa di Cura Nepi.

Responsabile modulo di Urologia ed Andrologia della Casa di cura Santa Teresa a Viterbo

Direttore Sanitario e Responsabile modulo di Urologia ed Andrologia ed ecografia urologica presso il poliambulatorio Raphael in Roma

Urologo presso Casa di Cura Villa Tiberia, ARS Medica, Villa Flaminia. Ecografia ed Urodinamica

Vice Presidente ARCUG

Ecografia apparato urogenitale e sistemica iscritto SIUMB

Urodinamica iscritto SIUD

I blog del Dott. Militello  http://www.medicitalia.it/andrea.militello

http://urologia-andrologia.myblog.it/

Il Dott. Militello è anche su Facebook

249 comments on “Parola all’Andrologo

  1. salve dottore mi chiamo carlo e un piacere conoscerla ho un problema che mi preoccupa da dicembre di quest’anno ho avuto un rapporto protetto con una di colore però abbiamo preso tutte le misure stando attenti hai minimi particolari il mio problema adesso e che ho paura di aver preso il virus del’hiv e passato un mese ma non ho avuto sintomi tutti mi dicono di stare tranquillo ma ho letto che questi sintomi possono manifestarsi anche negli anni lei che consiglio mi da di fare le analisi oppure non avendo avuto sintomi e il rapporto era protetto non rischio nulla? solo stamattina mi e venuto un leggero mal di gola so che uno dei sintomi spero solo che non stiano iniziando sono nel caos più totale grazie in anticipo!

    • Ciao Carlo,
      se hai preso le precauzioni non hai nulla a cui pensare. Tieni conto poi che il nostro sistema immunitario interviene precocemente a bloccare eventuali attacchi virali.
      Serenità

      • Salve dottore sono un ragazzo di 17 anni..quando lo faccio con la mia ragazza la prima volta vengo subito mentre la seconda duro anche 30/40minuti..secondo lei soffro di eiaculazione precoce?

  2. Dottore buona sera la contatto per una questione che mi sta facendo cadere in paranoia. nel gennaio 2012 ho avuto un rapporto protetto con una ragazza ma ho paura di aver contratto il virus del HIV a distanza di 4/5 mesi donai il sangue e quando mi arrivarono le analisi risultò tutto negativo posso stare tranquillo o devo rifare gli analisi??? premetto che ho fatto le analisi ordinarie ma non c’è nessun valore alterato a parte i trigliceridi.
    cordiali saluti

  3. Il test può essere effettuato anche dopo 3 mesi, periodo sufficiente secondo una grandissima parte di infettivologi, tuttavia, riguardo a questo, non c’è unanimità assoluta. Anche l’OMS parla di test definitivo a 3 mesi, tuttavia, consiglia di ripetere solo per precauzione il test anche a 6 mesi se l’esposizione al virus è avvenuta con una persona “certamente” sieropositiva.

  4. Gentile Dottore,
    Mik ci chiede se l’epatite C può influire sulla capacità di eiaculazione e la sessualità in genere.
    Grazie

  5. Gentile Dottore,
    Michele ci chiede se può avvenire il contagio di HIV nel caso in cui un adulto ingoi del latte materno da una persona infetta.
    Grazie!

  6. Salve Dottore, sono un ragazzo di 22 anni,sano. Da qualche tempo, forse anche più di un anno, palpando il mio scroto ho avvertito la presenza di una piccola massa mobile di forma sferica e di consistenza morbida e superficie rugosa, che si trova sopra il mio testicolo sn. La piccola sfera in genere è indolente, salvo eccezioni rare durante l’erezione. La informo che mio padre qualche anno fa ha rimosso una massa grassosa nello scroto di dimensioni pari quasi a quelle del testicolo. Quindi ho pensato, avendo avuto questo caso in famiglia, di poter essere anche io a rischio. In genere il dolore parte dallo scroto per risalire fino alla fossa iliaca di sn, so che il dolore scrotale in genere viene riferito in zona iliaca o ipogastrica, e quindi è normale, e so anche che la diagnosi di una massa di questo tipo è difficile senza una visita o una ecografia. Mi chiedevo però se lei avesse un’idea sulla possibile diagnosi. La ringrazio in anticipo per la risposta.

  7. Gentile Dottore,
    Dody vorrebbe sapere se usando cialis da 5 mg e’ normale che l’eiaculazione avvenga all’interno della vescica e non all’esterno. Ci chiede quale può essere il rimedio e se è necessario interrompere il trattamento.
    Grazie

  8. Salve dottore.Sto assumendo da poco il Cialis 5 mg.succede che l’eiaculazione avviene dentro la viscica,la cosa mi da un po noia cosa posso fare,sara’ sempre cosi’o ci sono altri farmaci , succede sempre con questi tipi di farmaci?

    • E’ un effetto collaterale, tanto è vero che lo stanno uasando in Urologia nei pazienti con disturbi minzionali perchè apre il collo vescicale ( ecco spiegata la sua retroeiaculazione ). Forse il Levitra non ha lo stesso problema

  9. Salve Dottore,
    soffro di disfunzione erettile da tanto tempo e il medico mi ha prescritto Cialis giornaliero 5mg. Vorrei sapere se ci sono problemi e cosa succede se mi dimentico di prenderlo qualche giorno o se è possibile diminuire l’assunzione a 3 o4 volte a settimana. La ringrazio tanto e attendo la sua risposta

  10. buonasera dottore io da 4 anni soffro di depressione maggiore come terapia uso 60mg di cymbalta 1000mg di depakin e 600mg di seroquel al giorno e cio mi porta ad una difficolta di erezione e un’assenza di eiaculazione. c’è un rimedio a ciò? grazie

  11. Salve dottore
    Ho 40 anni e ho un problema di mantenere l’erezzione incomicio il rapporto pero dopo un paiodi minuti incomincia a diventare moscho io prendo medicine per la pressione alta cardicol 5/20
    Possono essere la causa del mio problema in piu sofro di emmoroidi interne senza avere problemi ho provato ha predere il cialise non ha risolto il mio problema cosa puo essere e cosa devo fare
    Grazie alessandro

  12. Salve dottore
    Ho 43 anni e avevo un problema di l’erezzione da quasi 15 anni per questa cosa sono divorziato con la mia moglie da 13 anni non fato normale rapporto sessuale..doppo il divorzio ho conosciuto una ragazza pero lo stesso problema ho provato viagra senza effeto di erezzione pero quando la prendo la mia fascia e occhi diventanno tropo rossi fino a che Ho paura che un vaso di sangue scoppia negli occhi..ho smesso di prenderla…da Questa data non ho fatto sesso normale fascio sempre masturbazione con picolissima erezzione…Ora i miei testicoli diventano piccoli..anche pene…sogno sempre di l ‘amore con la mia ex-moglie ogni notte e ho una grande voglia da fare l’amore, ma in realtà io sono impotente…per favore dotore se puoi autarmi .. La ringrazio tanto e attendo la sua risposta

  13. buongiorno dottore,io o 43 anni e o un problema che mi assilla da anni,il mio pene continua a retrasse anno per anno,o avuto sempre meno stimoli da 10 anni a questa parte,oggi non o quasi a zero gli stimoli,con il pene che continua a rettrassi,a differenza di 10 anni fa.Puo aiutarmi?

  14. buongiorno dottore o un problema con la mia ragazza;
    credo sia: vengo solo una volta, e certe volte nianche quella;
    da abbastanza tempo grazie

  15. Buongiorno dottore,
    ho 27 anni, è da un pò di tempo (5 anni) che con la mia ragazza faccio fatica ad avere un eiaculazione, cioè il rapporto sessuale dura abbastanza, di questo ne sono contento, ma quando vorrei arrivare non riesco, tranne che in una posizione a volte.
    Se facciamo spesso l amore l’erezione dura molto, invece se non lo facciamo l’erezione fatica ad arrivare.
    Quando invece mi masturbo, l’eiaculazione arriva veramente in fretta”!
    Come posso risolvere questo problema? non è molto bello quando ho i rapporti e anche dopo diverso tempo non riesco ad arrivare all’apice.
    Attendo una sua cortese risposta

  16. Buongiorno dottore,
    ho 55 anni, è da circa 6-8 mesi noto l’organo che si ritira sempre di più, psa nella norma, nell’ecografia all’addome inferiore, la prostata è ben distesa, nella visita urologica è risultata morbida,e quasi nella norma.
    il medico mi ha prescritto una cura con il cialis da fare per due mesi.
    Siccome è un prodotto che costa tantissimo, Le chiedo il generico del cialis ha le stesse caratteristiche dell’originale.
    Grazie
    Paolo.

  17. buona sera,ho 50anni e ho fatto le seguenti esami,transrettale ,tampone uretrale e urodinamico non invasivo,per un problema (frequenza ad urinare spesso)l’urologo mi ha trovato con la prostata un pò ingrossata.A livello sessuale ho un eiaculazione precoce per il pene che non si indurisce abbastanza.il proff. mi a prescritto il cialis da 5 mg da prendere per 4 mesi,e poi ripetere l’esame urodinamico.Chiedo che problema avrò prendendolo per tutto questo tempo. Grazie.

  18. dottore buonasera mi capita quando cambio ragazza di sentire e vedere che non ce erezione del pene e nn ce modo di erezione… mi capita solo alcune volte .. altrimenti raggiungo normalmente l’orgasmo anche al mattino nn sempre lo vedo eretto come dovrebbe essere… vorrei sapere se soffro di disfunzione erettile.. grazie….

  19. Gentile Dottore, sono un ragazzo di 30 anni, ho sempre sofferto di eiaculazione precoce sia con la stessa partener che con paterner diverse, il primo rapporto dura meno di tre minuti il successivo più o meno quanto voglio. Ho letto in internet di alcue tecniche “Kegel ” che aiutano a controllare il momento critico, vorrei sapere da lei se si possono intraprendere liberamente questo tipo di esercizi o se meglio appoggiarsi ad un eperto. In entrambi i casi quale sarebbe la giusta tecnica e a chi potrei rivolgermi?

  20. Salve ho 48 anni ho sempre sofferto di ansia in generale e anche da prestazione sessuale. Tanto che il primo rapporto lo ho avuto a pulire23 anni con la mia ex moglie. Dopo il nostro divorzio 5 anni fa ho cominciato a risoffrirne in modo molto forte non riesco a tenere l erezione fumo 13.14 sigarette al giorno ma prima un pacchetto ok che è problema di natura psicogena ma ho fissato un appuntamento cmq da un andrologo pensa abbia fatto bene? Ps sono leggermente soprapesò grazie infinite x la risposta un saluto.

    con v una compressa di viagra da 50 a volte basta 25!!! Ho

    • Salve dottore sono fabio ho 48 ann
      Le ho scritto la mail giorni fa sulla.
      Ansia da prestazione ecc. Avevo fatto un po di confusione seguo una terapia cognitiva comp. Ma la sicurezza la sento solo quando prendo viagra da 50 a volte basta 0,25! Ho prenotato visita dall.andrologo penso che serva x un quadro più preciso che dice grazie infinite arrivederci.

  21. Pingback: Cosa riduce la produzione di testosterone nell’uomo? |

  22. adesso è più chiara….ciao Fabio, sicuramente la visita andrologica può evidenziare qualche problema vascolare e/o ormonale di cui non sei a conoscenza e darti qualche ” trucco” per migliorare la performance. Auguri

  23. salve, ho 25 anni e ho sempre sofferto di ep..nel giro di meno di 1 minuto dopo la penetrazione eiaculo, a volte anche durante i preliminari..mi segue una psicologa, da un mese, ma per ora nessun cambiamento..utilizzando la crema anestetica ho guadagnato giusto qualche secondo..in passato mi ha visitato un andrologo e mi ha detto che non avevo problemi fisici e mi ha suggerito gli esercizi di kegel..sono disperato

  24. credo di si..suppongo che l’andrologo se ne sarebbe accorto..comunque quando il pene è in erezione il frenulo non fa piegare il prepuzio..per quanto riguarda la prostatite non saprei, non ho alcun tipo di dolore nè frequente necessità di urinare; inoltre soffrendone da anni mi sembra strano che un eventuale prostatite non si sia manifestata in maniera diversa.
    cos’altro posso fare?

  25. Anto su aprile 7, 2013 alle 11:28 pm
    Ciao ora le spiego cosa mi succede:
    Le prime volte che facevo sesso senza preservativo avevo una durata di circa un’ora e trenta .. Parlando da due mesi a questa parte con il preservativo duro 2 minuti cosa mi e successo?

    • Scusa Anto potresti fornire maggiori dettagli al Dott. Militello in modo tale che ti possa rispondere in maniera esaustiva? Ad esempio, la partner è sempre la stessa? Che tipo di preservativi utilizzi? Ci sono stati dei cambiamenti nel tuo stile di vita in questi ultimi mesi?

      • La partner e sempre la stessa xo devo dirle che ho avuto un incidente a gennaio ed ho riportato una lesione al rene .. Uso i nature sensive se non erro..

      • La lesione al rene non ha collegamenti, ma ha escluso lesioni alla colonna vertebrale? D altrone come diceva lo staff anche un cambiamento di parter ( e quindi di anatomia e stimolazioni ) può variare il timing eiaculatorio

  26. salve dottore la prego di darmi un parere le avevo detto tempo fa della mia ansia da prestazione ma purtroppo soffro anche di insonnia sindrome ansioso depressiva moderata non sopporto i farmaci di ultima generazione serotoninergìcì il mio medico psichiatrico mi ha proposto il trazodone che potrebbe aiutarmi anche x ansia da prestazione non ha ricadute sulla sessualità maschile però ho letto del priapismo ma è comune o raro ? lei che né pensa? grazie infinite x la pazienza e la cortesia un saluto

  27. Buongiorno dottore. E’ da un mese e mezzo che sono insieme ad una ragazza. Lei mi piace molto, sono innamorato. Quando però facciamo l’amore non riesco mai a venire. L’erezione c’è, ma quando infilo il mio pene dentro di lei mi accorgo di sentire poco o nulla. Come se non avesse sensibilità. Eppure quando mi masturbo da solo riesco a venire, nell’arco di 10, massimo 15 minuti. Mi sono accorto che la mia masturbazione è più vigorosa di quando c’è l’atto sessuale. Mi masturbo da tanti anni. Non mi paiono poi esserci grossi problemi di natura psicologica, nel senso che siamo entrambi innamorati, lei accetta questa mia difficoltà a venire e io fino ad ora non ne ho fatto un dramma, pensando che il problema si risolvesse da solo col passare tempo e smettendo di masturbarmi. Invece non va cosi e ora vorrei rivolgermi a lei per chiederle aiuto. Aggiungo che questo problema si era già manifestato in passato, ma non gli avevo dato troppa importanza perchè la relazione era durata poco e la ragazza con cui avevo fatto sesso non mi attraeva particolarmente. Grazie.

  28. Buongiorno dott., durante i rapporti sessuali mi capita di durare molto e alcune volte non raggiungo l’orgasmo. Con la masturbazione non ho di questi problemi invece. Quale può essere il problema? E’ molto frustante non raggiungere l’orgasmo quando si è con la propria partner, premetto che lei mi piace tantissimo e che ogni volta che gli sono vicino ho un’ererzione ma poi durante l’atto non sento un grandissimo piacere soprattutto quando lei è troppo bagnata.

    • Come nel post precedente, purtroppo l eccessiva lubrificazione vaginale può ridurre le afferenze stimolatorie al nostro sistema sensitivo genitale e ridurre o ritardare il riflesso eiaculatorio

  29. Da un paio d’anni, gradualmente, mi si è manifestata l’eiaculazione ‘ritardata’, passando da quella ‘precoce’, via via sino allo stato attuale. Che, ultimamente, mi deprime un pò con mia moglie perché non riesco più a ‘venire’ come dovrei con l’atto sessuale e poi (con esiti sempre più negativi) anche con l’autoerotismo.
    Soffrendo da quasi due anni di una malattia neuro muscolare (l’erezione è comunque soddisfacente) sarà, per caso, questa la ragione?
    La ringrazio e saluto cordialmente.

  30. Salve dottore, ho 20 anni, e da circa un anno soffro di una sorta di eiaculazione precoce. Mi spiego, prima di fidanzarmi con la mia attuale partner non soffrivo di nessun tipo di eiaculazione precoce con le precedenti ragazze. I miei rapporti duravano in media 15-20 minuti. Dopo aver conosciuto la mia attuale partner si è presentato questo problema ma non immediatamente. I primi 7 mesi mesi andava tutto bene, i miei rapporti duravano in media sempre 15-20 minuti esclusi i preliminari. Avevamo una vita sessuale molto accesa e appagante ripetendo il rapporto anche 2 3 volte al giorno per quasi tutti i giorni della settimana. Passati questi 7 mesi, tutto d’un tratto, le mie prestazioni sessuali durano di meno fino a ritrovarmi ora a eiaculare pochi secondi dopo la penetrazione o a volte subito dopo aver penetrato. Premetto che a volte concentrandomi riesco a ritardare l’eiaculazione. A volte riesco a ritardarla x 2-3 minuti a volte anche per 7-8…Io sono molto frustrato da questa situazione e sto cercando una soluzione. Non ho nessuna disfunzione erettile o problemi urinari. La mia partner cerca sempre di rassicurarmi ma io mi arrabbio sempre con me stesso e mi incolpo x questa cosa. Ora in settimana dovrei vedere il mio medico e presentargli il problema. Le scrivo per avere un suo parere professionale e vorrei sapere intanto come mi devo comportare e avere qualche consiglio. Grazie per la sua disponibilità.

  31. Salve ho 19 anni, sono ormai due anni che ho rapporti sessuali con la mia ragazza, ma da due settimane al momento di avere il rapporto eiaculo dopo neanche due minuti. In precedenza non ho mai avuto problemi di questo genere. Grazie

  32. Salve Dottore
    volevo parlare della mia storia. Ho sempre avuto rapporti con la mia partner 3-4 a settimana con una durata media di 15 minuti circa.
    C’è stato un periodo di 3 settimane circa senza consumare rapporti, la prima volta dopo quella pausa è successa una cosa inaspettata sono venuto dopo circa 1-2 minuti se non di meno.. Non capisco il perché mi sembrava molto strano e imbarazzante, da li ho iniziato a cercare risposte alle mie domande sul web con risultati del tipo: ansia da prestazione ma non ho mai avuto questa ansia forse ora che sento di avere questo problema e ho letto anche, dato che da ragazzo mi masturbavo con il solo intento di raggiungere l’orgasmo il mio e pene si sia abituato a questo, però è strano perché io avevo questa performance all’inizio le prime volte che lo facevo ora sono 3 anni circa che ho rapporti con la stessa partner..
    Volevo sapere se lei è in grado di capire di cosa si tratta,a cosa è dovuto, e come posso rimediare a questo disagio..
    La ringrazio in anticipo a presto!

    • Mauro, guarda che non èp affatto anomalo che dopo tre settimane di astinenza il riflesso eiaculatorio sia così precoce. E’ una conseguenza pressochè normale !! Non devi preoccuparti. Si è ripetuto ancora il problema?

      • Salve dottore, cmq purtroppo si da quella volta si sempre fino ad oggi.. Ogni volta che sto per iniziare un rapporto spero sempre che sia migliore di quelli precedenti.. Non riesco a capire perchè, ho provato anche a masturbarmi 30-60min prima del rapporto ma non cambia molto.
        Grazie per la sua disponibilità dottore a presto

  33. Salve Dottore,
    ho 25 anni e da sempre soffro di eiaculazione precoce.
    Ho sempre avuto storie abbastanza lunghe (dai 6 mesi fino ai 3 anni dell’attuale) e da sempre ho avuto questo problema ( spesso vengo prima della penetrazione).
    Ho fatto visite di ogni tipo tranne che psicologiche (non posso permettermi una terapia al momento), ho provato il Priligy ma non mi ha aiutato minimamente, i preservativi ritardanti ancora meno e qualche settimana fa ho provato a comprare uno spray.. Ancora niente risultati.. Con Emla ho un lieve miglioramento, ma per lieve intendo dire che quando va bene (e non sempre), mi aiuta a ritardare l’eiaculazione di non più di 7/8 minuti..
    Il medico non sa più che dirmi, l’andrologo dice che è tutto ok, ma ovviamente, io e la mia ragazza soffriamo parecchio questo dannato problema..

    Dopo aver postato sul blog di Angel che mi ha consigliato di scriverLe direttamente, le posso dire che:

    -Ho sofferto di una lieve depressione, curata dopo mooolto tempo (diversi anni) con lo Zoloft, niente di grave;
    -Sono sovrappeso da tanti anni, ora sto facendo dieta e attività fisica avendo dei buoni risultati;
    -Quando ero più piccolo guardavo più o meno una volta al giorno della pornografia, ovviamente masturbandomi. Lo facevo di nascosto e con la possibilità che qualcuno prima o poi mi scoprisse, cosa che fortunatamente non è mai successa;
    -Non ricordo nessuna esperienza traumatica in particolare, prima di iniziare a frequentare quella che fu la mia prima ragazza bevevo (come ahimè, quasi tutti i ragazzi di quella età) il sabato sera, anche se non ho mai fatto uso di altre droghe;
    -Fino a pochissimo tempo fa avevo uno stile di vita decisamente sedentario, ora, come già detto, sto facendo attività fisica per rimettermi un po’ in sesto.

    Spero queste informazioni possano esserLe utili a darmi qualche consiglio o fare qualche deduzione che possa aiutarmi a sconfiggere questo problema che mi assilla da ben 7 anni..

    Grazie anticipatamente,

    Roberto.

  34. Buongiorno Dottore, sono alle prime esperienze sessuali e alcune volte vengo velocemente altre, invece, duro abbastanza da soddisfare la mia partner… Non riesco a capire se si tratti di eiaculazione precoce visto che poche settimane fa sono durato mezz’ora e la settimana scorsa 1 minuto scarso…

    • Alessio tranquillo. Sono le prime tempistiche. Come un giocatore di tennis che deve prendere il giusto timing, anche il tuo organismo si stra resettando sulle nuiove sensazioni

  35. Sono un 18enne che si sta fasciando la testa con questo problema. Io e la mia lei, abbiamo avuto sempre avuto rapporti abbastanza lunghi… solo che le ultime due volte sono state un disastro, la prima fu durante la penetrazione che beh, durò pochissimo (ora che ci penso era la paura di far tardi nel riportarla a casa) la seconda… era da questa ultima figura di me*da che non si faceva (un mese e mezzo più o meno) ed ecco… eravamo nudi, insomma vicini alla penetrazione che ecco che mi accorgo che qualcosa non va… così prima cerco di bloccarlo (non pensando più a rilassarmi e a godermi il magico momento, ma a non venire e non fare una figura di merda) in qualche modo (specialmente seguendo il consiglio di un amico di incrociare le gambe, Che lui dice aiuti a ritardargli l’orgasmo). Poi beh, sento che ormai stavo venendo e beh.. figura poco piacevole… specialmente perchè non eravamo nell’atto della penetrazione. E questo appunto mi preoccupa molto. Adesso, leggendo qua e là per i siti medici, ho visto che tutti dicono che venire prima del rapporto è gravissimo… e quindi… ho dei problemi gravi? ecco che mi domando se possa riaccadere e quindi sarà il mio un caso gravissimo curabile solo con medicinali e quant’altro? Oppure sarà un cocktail di stress (utlimamente ne soffro molto, e questo è avvenuto di mattina (quindi non ero entrato e la paura di essere beccati per la 4a volta a fare forca mi stava dando sui nervi)), paura di risbagliare, paura di non far bene insoddisfare la mia parter e temere che mi potesse lasciare per questo problema, ansia di far male la prestazione, paura maturata in tutto questo mese e mezzo di soffrire di eiaculazione precoce, la paura di essere giudicato male… la scarsa autostima… insomma non è che questo singolare episodio, sia dovuto a tutti questi fattori psicologici?
    Mica avrò dei seri problemi anche a livello fisico (impotenza non ne soffro! Ho paura di problematiche che possano insorgere dal mio bruttissimo passato da sigle, periodo in cui mi autoerotizzavo praticamente 6 giorni su sette una volta al dì!)? Spero non sia nulla di grave e semplicemente un fattore psicologico! Spero non ritorni… spero non sia nulla di grave… beh…se può calmarmi ne sarei contento! grazie in anticipo

  36. Carissimo, come hai perfettamente chiarito, vi è una chiara ed evidente componente psicogena. puoi superarla con estrema facilità nello stesso modo con cui la hai egregiamente analizzata. Riparti da solo che non hai bisogno di nessuno di noi,. Noi comunque siamo qua e aspettiamo buone notizie

  37. gentile Dottore mi servirebbe un suo parere a riguardo del calo del desiderio che ho da più di un mese. Attualmente ho 34 anni ma già a partire dall’età di 25 anni avevo notato un calo del desiderio, seppur lieve, ma ora può anche passare una settimana ma mi manca anche lo stimolo alla masturbazione. Sono stato dal mio medico di famiglia e mi ha detto che è tutto normale, che può essere dovuto allo stress e che tutto tornerà come prima, ma non credo sia lo stress visto che sono disoccupato e non essendomi mai trovato in una situazione così sono un pò preoccupato… Il mio dottore mi ha anche sconsigliato di rivolgermi all’andrologo e allo psicologo, perchè secondo lui mentre per il deficit di erezione c’è il Viagra, per il calo del desiderio non si può fare nulla. Cosa mi consiglia di fare? Grazie

  38. Caro dottore,
    le espongo quanto mi succede : con mia moglie e senza preservativo MAI avuto problemi di durata; da qualche tempo frequento altre partner : nessun problema di controllo e durata nei preliminari; indossato il preservativo le prime volte ho avuto difficoltà di penetrazione; adesso penetro, ma non controllo la durata ( da 2 a 3 minuti massimi per arrivare all’eiaculazione) … che fare? Ovviamente con mia moglie NON ho alcun problema. Ho 47 anni, fisico atletico e sportivo agonista (running) ..
    grazie

  39. Salve dottore,
    Sono un ragazzo di 17 anni e credo di soffrire di EP.
    Con la mia ragazza abbiamo dai 2 ai 4 rapporti alla settimana
    Il “problema” si è presentato negli ultimi mesi però..
    Abbiamo preliminari molto lunghi(15/20 min circa)
    Nel quale mi eccito ma nn sento il bisogno di venire(molto raramente succede che abbia voglia di venire quando lei mi masturba o cn il sesso orale)
    Quando arriva il momento di iniziare, penetro 6,7 volte e sento l’esigenza di venire e mi tocca infilare un preservativo ritardante..(premetto che nn vorrei usarlo dato che nn l’ho mai usato all inizio delle mie esperienze e riuscivo ad arrivare a 5,10 minuti di prestazione)

    Non so se la mia sia un problema di ipersensibilità (o EP) anche perché mi eccito davvero tanto quando inizio a fare l’amore, oppure una questione di “testa” dato che la mia lei ha già avuto esperienze con il suo ex e mi sento condizionato da questo fatto (anche se abbiamo già parlato di questo e lei mi ha detto che sono state poche volte e sopratutto quelle poche volte era “forzata” a farlo quindi insoddisfatta da tutto..parliamo molto io e la mia lei è abbiamo un buon dialogo
    Ho letto vari argomenti e cercato informazioni sulla crema EMLA
    Vorrei sapere se usando abitualmente la crema, anche senza avere rapporti,per un certo periodo,potrei avere dei miglioramenti in questo caso di ipersensibilità o EP
    Grazie in anticipo Dott. Militello

  40. gentile Dottore,
    sono 9 mesi che sto con la mia ragazza, i nostri momenti di intimità sono sempre soddisfacenti, mi dedico a lei con lunghi preliminari e lei è sempre soddisfatta (non finiamo mai senza un orgasmo) però c’è un problemino, quando la penetro dopo poche spinte circa 8-10 sento lo stimolo eiaculatorio vicino, allora mi fermo e le pratico del sesso orale, aspettando che la mia eccitazione cali un po’, ma quando riprendo il coito altre 3-4 spinte e sento di nuovo l’eiaculazione molto vicina e quindi ripeto di nuovo del sesso orale e la masturbo, molto raramente riesco a farla venire durante il coito, la faccio venire quasi sempre con il sesso orale (sento di appagarla perchè tutte le volte che stiamo in intimità le faccio raggiungere l’orgasmo)

    tuttavia all’inizio del nostro rapporto io duravo di più, mai tanto, però 3-4 volte anche molto (15 minuti x intenderci) come mai a volte sono durato così tanto quando di solito duravo poco?

    ora lei all’inizio era soddisfatta anche perchè il suo ex non le praticava sesso orale mi ha confidato e mi ha detto che con lui varie volte neanche veniva, ora però mi ha confidato (a fatica ho insistito io) che le piacerebbe fare di più l amore con me senza che io mi interrompessi più volte, che le piace molto il mio cunnilingus, ma vorrebbe che il coito durasse di più.
    ora io sono contento che parliamo di questo, ma come posso riuscire ad appagarla come lei desidera se dopo qualche spinta sento di venire?

    devo ammettere che è un po’ frustrante, non capisco perchè con il passare del tempo con lei e l’aumento della complicità io ho iniziato a durare meno, forse perchè mi sono rilassato in confronto alle prime volte? forse perchè la mia tensione è scemata e mi sono lasciato andare di più e mi gusto meglio il suo corpo? forse perchè mi piace molto e sono sempre molto eccitato quando sto in intimità con lei?
    ringrazio per la risposta

  41. Buongiorno Dottore,
    ho 40 anni e sono 15 anni che sto con la mia attuale moglie. La nostra storia è iniziata con reali casi di EP tenendo in considerazione che le prime volte mi capitava di eiaculare all’inizio della penetrazione. A suo tempo ero andato da un medico il quale mi aveva chiesto se fosse sempre così e alla mia risposta che non quando bevevo ( per qualche serata bagorda tra amici) andavamo avanti parecchio, mi aveva risposto che la mia era solo una questione psicologica e che pensavo a troppo. Mi è capitato in altre situazione occasionali di arrivare proprio in fase iniziali o in altre di durare parecchi minuti. Ad oggi dopo 15 anni posso dire che siamo migliorati ma che comunque duriamo entrambi pochi minuti e se abbiamo un periodo di fermo capita di durare veramente poco. L’abbiamo fatto di recente dopo un mese di fermo ed è capitato veramente all’inizio del rapporto. Non ho mai calcolato i minuti esatti perchè quanto si parte, poi non sto a calcolare con il cronometro altrimenti diventerebbe veramente triste a mio avviso, ma posso dire che da parte mia avrei voglia che durasse sinceramente di più. Non ore altrimenti ci si annoia e, ma almeno una decina, quindicina di minuti. Il problema non è gravissimo perchè la cosa bella è che veniamo incredibilmente entrambi nello stesso momento e Lei mi dice che non ci sono problemi perchè è soddisfatta ( ci ridiamo sopra perchè siamo entrambi velocissimi).A me però ha sempre messo un pò a disagio. Abbiamo trovato una strategia per entrambi che è quella di cambiare posizione quando stiamo per raggiungere l’orgasmo e questo aiuta, ma è ben lontano dalle mie aspettative. Ho provato recentemente con uno spray ritardante, ma devo dire che onestamente non ha fatto niente e anche se funzionasse, diventa difficile dover programmare sempre di metterselo 30 min prima ….. non programmiamo mai il rapporto, quando capita capita. Ho pensato di andare da un Andrologo, ma non ne sono sicuro anche perchè onestamente se dovessi prendere pillole tipo il Priligy, mi verrebbe difficile pensare di dover pagare un sacco di soldi per ritardare, con il rischio anche di prendere la pillola ore prima senza poi magari farlo ( lo ritengo insostenibile).
    Penso onestamente che il mio problema possa essere più di natura psicologica perchè spesso durante il rapporto penso di non voler ejaculare prima e questo mi porta forse ad una condizione psicologica tale da portarmi al problema.

  42. Buonasera dott.re mi chiamo MARCO le pasticche cialis anno un effetto ha chi ha problemi di diabete da cibo,o colesterolo.grazie a presto

  43. buonasera dottore è normale che il mio pene quando è in erezione sia curvo verso il basso a banana ed quando faccio sesso a volte dopo quando urino mi brucia mi hanno detto che potrebbero essere calcoli ma non mi fido e controllando i testicoli nel sinistro si sente come se fosse una vena gonfia .La ringrazio in anticipo per la
    professionalità che mette a disposizione di tutti ….

  44. l incuravamento verso il basso potrebbe essere un recurvatum, da quanto tempo si presenta? IL bruciore post minzione può essere dato dalla chiusura del collo vescicale post coitale in una condizione di modesta prostatite.
    a) foto del pene in erezione
    b) terapia decongestionante prostatica

  45. salve dottore, mi è stato consigliato dal collega nella guida all’EP di rivolgere a lei il seguente quesito riguardo tale argomento:
    riesco a controllare l’eiaculazione e non vengo del tutto involontariamente all’improvviso senza poter fare niente, però mi capita di dover accelerare durante l’attività sessuale in quanto tendo a perdere erezione quasi subito. se mi fermo trenta secondi circa difficilmente ritorno all’erezione massima quindi si verificano i seguenti casi: quando rallento il ritmo perdendo quasi subito l’erezione riprendendo l’attività vengo prima della massima erezione. oppure raggiungo l’eiaculazione prematuramente dovendo accelerare il ritmo per mantenere una buona erezione. a volte riuscendo a ritardare per la prima volta il momento pre eiaculatorio mi capita malgrado che esca un po di sperma quando rallento il ritmo.
    da quel poco che può carpire da quanto descritto, secondo lei si evidenzia più un problema di EP o di disfunzione erettile (o tutti e due insieme).

  46. Buongiorno dottore. Mi piacerebbe avere un suo parere e soluzione per una certa mia questione. Da letture fatte penso di trovarmi nella situazione dell’eiaculazione ritardata. Ipotizzo che la causa sia di tipo principalmente psicologico perché non mi è accaduto con tutte le donne con cui son stato. Ho sempre avuto grande piacere nel dare piacere, perciò ho sempre fatto all’amore per assistere soprattutto agli orgasmi delle mie partners, e avendo questo distoltomi dalla ricerca dei miei sembra come se talvolta perdessi i miei, altre volte invece vi sono arrivato e mediamente tra la mezz’ora e un’ora di intimità sessuale. Questa cosa non ha fatto star bene qualcuna che mettendola nella domanda del “Perché non vieni?” le ha poste poi nella autorisposta del “Probabilmente non ti piaccio!”. Allora scatta un circolo vizioso e forse lì non giungo ai miei arrivi per la preoccupazione di persuaderla che lei mi piace davvero.
    La mia spiegazione di amante “altruista” è stata apprezzata da altre ragazze con la gioia di godere di decine di orgasmi, e io in questo circolo virtuoso qualche volta non son venuto ma il più delle volte invece si.
    Pensi che addirittura alcune di quelle ragazze dubbiose sul piacermi o meno e con le quali non ho avuto il mio orgasmo mi piacciono di più di coloro affascinate da questo mio aspetto e con le quali invece l’ho avuto.
    Le confido che sono un po’ confuso e sino a pochi giorni fa non avevo mai sentito parlare di eiaculazione ritardata. Mi trovo pure nel desiderio di una compagna per la vita con cui costruire un futuro. Faccio all’amore con due donne, quella che mi piace molto è dubbiosa e spaventata. Quella che non vedo come possibile compagna per la vita è completamente affascinata.
    Ringraziandola e un po’ imbarazzato le porgo cordiali saluti.

  47. Salve Dottore, ho 45 anni ho la sclerosi multipla progressiva da 18 anni, oltre a tutti i suoi sintomi classici ho l’eiaculzione precoce da non riuscire neanche a penetrare mia moglie, e questo mi crea tanto disagio, anche perchè poi a ricominciare per gli effetti della malattia (la fiacchezza stanchezza) e anche per mia moglie che per l’ora ha sonno e non è tanto collaborativa, mi è un pò difficile, e nelle altre re della giornata è sempre presente mia figlia di 13 anni e quindi nisba…. Premetto che assumo cialis da 10 mg ogni sabato per l’erezione va fin troppo bene. ne ho parlato col mio neurologo e al posto del priligy che costa tanto mi ha prescritto l’ entact gocce da assumere tutti i giorni dosaggio iniziale 2 gocce al giorno con l’aumento di una goccia al giorno fino ad arrivare a 5 gocce e a continuare. Lei che ne pensa ?? c’è qualche altro rimedio?
    la ringrazio

    • Salve Dottore, ho 45 anni ho la sclerosi multipla progressiva da 18 anni, oltre a tutti i suoi sintomi classici ho l’eiaculzione precoce da non riuscire neanche a penetrare mia moglie, e questo mi crea tanto disagio, anche perchè poi a ricominciare per gli effetti della malattia (la fiacchezza stanchezza) e anche per mia moglie che per l’ora ha sonno e non è tanto collaborativa, mi è un pò difficile, e nelle altre re della giornata è sempre presente mia figlia di 13 anni e quindi nisba…. Premetto che assumo cialis da 10 mg ogni sabato per l’erezione va fin troppo bene. ne ho parlato col mio neurologo e al posto del priligy che costa tanto mi ha prescritto l’ entact gocce da assumere tutti i giorni dosaggio iniziale 2 gocce al giorno con l’aumento di una goccia al giorno fino ad arrivare a 5 gocce e a continuare. Lei che ne pensa ?? c’è qualche altro rimedio?
      la ringrazio

  48. buongiorno dottore sono ale
    le spego il mio problema:penso di soffrire di ( EP ) perchè è da un anno circa che faccio l amore con la mia ragazza! lei è la prima con cui lo faccio e viceversa! le prime volte facevo giusto a penetrarla e raggiungevo l orgasmo ( questione di 2/3 secondi ) potevo anche capirlo dato che lei era vergine, per me erano le prime volte e quindi era facile essere sovvraeccitato! ma a distanza di quasi un anno essere “migliorato” di qualche secondo m sembra un po poco! ho provato preservativi ritardanti ma anche in quel caso si tratta di qualche secondo in piu..in piu, in qualsiasi circostanza mi basta qualche bacio per trovarmi le mie mutande macchiate, e questo mi mette davvero molto a disagio! calcolando che basta anche uno sfioramente per mandarmi il pene in erezione
    vorrei arrivare alla base di tutti questi problemi per risolverli! capire di che fonte sono.. se fisica, psicologica o di altro tipo perche cosi sto vivendo proprio male i miei rapporti intimi! io spero comunque di non dover prendere farmaci o andare dallo psicologo ma se necessario si fa quello che si deve! ma penso sia giusto capire per non perdere altro tempo in chiacchiere! grazie dell aiuto e del tempo

  49. Salve Dottore, ho 45 anni ho la sclerosi multipla progressiva da 18 anni, oltre a tutti i suoi sintomi classici ho l’eiaculzione precoce da non riuscire neanche a penetrare mia moglie, e questo mi crea tanto disagio, anche perchè poi a ricominciare per gli effetti della malattia (la fiacchezza stanchezza) e anche per mia moglie che per l’ora ha sonno e non è tanto collaborativa, mi è un pò difficile, e nelle altre re della giornata è sempre presente mia figlia di 13 anni e quindi nisba…. Premetto che assumo cialis da 10 mg ogni sabato per l’erezione va fin troppo bene. ne ho parlato col mio neurologo e al posto del priligy che costa tanto mi ha prescritto l’ entact gocce da assumere tutti i giorni dosaggio iniziale 2 gocce al giorno con l’aumento di una goccia al giorno fino ad arrivare a 5 gocce e a continuare. Lei che ne pensa ?? c’è qualche altro rimedio?
    la ringrazio

  50. l uso degli antidepressivi è sempre stato utilizzato nell eiaculazione precoce, ma ormai con l entrata in commercio della dapoxetina siamo costretti a prescriverle anche per motivi medico legali. Comunque il tentativo va portato avanti. Altre soluzioni farmacologiche al momento non ce ne sono , quindi è giusto provare ( fosse solo per motivi economici )

  51. Buongiorno dott,sono un uomo di 58 anni,che ha una vita sessuale molto variegata,da alcuni anni mi sono accorto che nei attimi che precedeno l’orgasmo,cè una fuoriuscita di sperma a schizzi incontrollata,e delle volte questa fuoriuiscita,anticipa di molto il vero orgasmo!! Essendo che riesco godere solo con masturbazione o sesso orale,succede che la mia partner convinta che io sia appagato rallenti o si fermi, lasciandomi a volte insodisfatto!! Preciso che faccio uso di pillole blu,che mi permettono erezioni notevoli e durature!! Grazie chi vorra’ rispondere!!

  52. NO,nn mi ritrovo in quei sintomi,ho preso appuntamento con un andrologo,ma qui si parla anche di sessuologo o urologo,quale’ secondo lei lo specialista piu adatto a questa mia sintamologia? Grazie

  53. sono 10 anni che sono sposato e il sesso sia prima che dopo il matrimonio era tutto ok.ora da circa 4 o 5 mesi nel rapporto vengo subito. non capisco una cosa pero perché quando mi masturba dura parecchio.puo darmi un consiglio e soprattutto un aiuto grazie

  54. Salve a tutti, sono un ragazzo di 24 anni felicemente fidanzato da 7 mesi.
    La nostra vita sessuale è molto attiva, dato che ci vediamo solo 4-5 volte al mese a causa della distanza quasi sempre finiamo per dedicare un’ora e mezza buona al Sesso.
    Esatto…90 strazianti minuti in cui il sottoscritto cerca e fa di tutto per cercare di venire ma non ci riesce.
    Alla mia partner tutto questo non da fastidio, però comunque mi sento scoraggiato, vorrei farle capire attraverso il corpo e non solo con le parole che fare sesso con lei mi piace, e che a me piace lei, sia d’aspetto che di carattere.
    Ho paura che nonostante le sue parole di rassicurazione dentro covi un profondo sconforto e non me ne vuole parlare.
    Vorrei uscire da questa situazione, e dopo aver letto determinate informazioni sull’eiaculazione ritardata ho forse capito dove potrebbe essere il problema.
    Durante l’adolescenza ho adottato un sistema di masturbazione che credo sia vigoroso, e non riesco a raggiungere gli stessi ritmi quando faccio sesso.
    Che cosa devo fare? Smettere di masturbarmi definitivamente?
    La ringrazio infinitamente per la sua disponibilità.
    Andrea

  55. Salve sono Rosario, vorrei sottoporre la sua attenzione per un problema personale. credo che soffro di EP sono sposato da 1 anno e mezzo e fidanzato da 6, da sempre ho sofferto con questo problema che dopo poco subito arrivavo all’orgasmo, ho cosi provveduto ad usare preservativi ritardanti ma niente nessun effetto… raramente riesco a prolungare il rapporto…. x questo motivo cerco di evitare più situazioni amorose con mia moglie per evitare che faccio (cilecca) … nn contento ho chiesto aiuto al medico generico , che quasi quasi mi ha mandato a quel paese non prendendo in considerazione la mia situazione di vergogna e di disaggio…. ora come ora vorrei risolvere questo problema perchè mi sta facendo vivere male questa situazione…. Spero che Lei mi può aiutare cordialmente la saluto augurandole una buona giornata

  56. Egregio dottore, ho 50 anni le ho scritto tempo fa x un problema legato ad ansia da prestazione, ho scritto seguito il suo consiglio sono andato da un andrologo non aveva ecografo ambulatori misericordia cmq mi ha fatto esame rettale x prostata e del pene non ha trovato niente, ha parte l ansia. Mi ha prescritto Levitra insolubile 10 mg sub linguale ne parlano così bene ma io ho avuto cmq difficoltà in effetti entrambe l

  57. Mi scusi sono fabio finisco messaggio precedente, entrambe le volte 2 ero m oolto ansioso e stanco! Forse è stato x questi motivi? Col viagra 50 andava molto meglio, ma avendo problemi di stomaco aveva optato x Levitra. Attendo suo parere . E la ringrazio infinitamente.grazie

  58. salve Fabio
    sicuramente stanchezza e ansia sono più potenti del Levitra . Proviamo banalmente a prendere melatonina 5 mg la sera per togliere in po di cortisolo, classica molecola da stress, che inibisce l’erezione

    • Grazie della risposta immediata lei ha già capito come sono! Infatti ho avuto problemi di insonnia sempre da ansia prendo 10/12 gocce di en quindi si lega tutto all ansia più che Levitra o viagra?:-(grazie di nuovo

    • Quindi tanto vale mantenere Levitra i orosolubile e lavorare sull ansia, ma to cmq il mio andrologo? Ce la metto tutta.grazie davvero

      • Gentilissimo dottore, sono fabio devo dire che va meglio con l ansia infatti il Levitra orosolubile da 10 é andato alla grande! Il fatto é che mi da sicurezza, e non so quante volte a sett. Posso prenderlo? Diciamo 2/3 é pericoloso? Ja prossima settimana torna il mio andrologo aspetto sua risposta tanti saluti e grazie

  59. Dottore buongiorno,l volevo farle una domanda in riferimento all’infezione del virus HIV…ho fatto le analisi totali a dicembre del 2012 perchè avevo un dolore allo sterno che non andava via ma poi si è riscontrato un problema lombo sacrale..circa 5 anni fà ho avuto un rapporto orale non protetto con una p……. e gli sono venuto in bocca..lei però non lo ha ingoiato..tre anni dopo quindi 2 anni fà ho avuto un rapporto senza protezione con una donna molto più grande di me,ma sono sicuro che lei non sia infetta anche xkè ha partorito e all’ospedale gli hanno fatto tutti gli accertamenti..quello le chiedo è se posso stare tranquillo in merito a ciò che ti ho detto o devo fare per forza il test? da 5 anni ad ora non ho mai avuto nessun sintomo che hai elencato..qualke dolorino articolare ma derivato da una scoliosi lieve,e una febbre che mi è durata due giorni a 37..e sopratutto i sintomi compaiono per forza o no? E infine tempo fà dopo diversi rapporti sessuali con diverse persone dell’altro sesso ho fatto le analisi totali escluse quelle ELISA per vedere se era tutto ok..ne ho parlato con il mio dottore perchè non mi sentivo bene e gli ho chiesto se l’hiv a parte il suo test si potesse vedere da un altro esame, e lei mi ha detto che l’hiv in una persona a parte il suo test specifico si può vedere dagli esami del fegato..volevo sapere se è veramente così..io ripeto ho fatto tutte le analisi escluse quelle dell’hiv..anche le urine..aspetto una sua risposta..grazie P.S. mi scusi mi sono scordato di dirle che le analisi totali sono state tutte risultate negative( esami del fegato,pancreas,cuore,emocromo e VES) e sopratutto la prostituta non ha ingoiato ma sputato il mio sperma..La ringrazio e spero mi risponda al più presto..

  60. Salve sono Rosario, vorrei sottoporre la sua attenzione per un problema personale. credo che soffro di EP sono sposato da 1 anno e mezzo e fidanzato da 6, da sempre ho sofferto con questo problema che dopo poco subito arrivavo all’orgasmo, ho cosi provveduto ad usare preservativi ritardanti ma niente nessun effetto… raramente riesco a prolungare il rapporto…. x questo motivo cerco di evitare più situazioni amorose con mia moglie per evitare che faccio (cilecca) … nn contento ho chiesto aiuto al medico generico , che quasi quasi mi ha mandato a quel paese non prendendo in considerazione la mia situazione di vergogna e di disaggio…. ora come ora vorrei risolvere questo problema perchè mi sta facendo vivere male questa situazione…. Spero che Lei mi può aiutare cordialmente la saluto augurandole una buona giornata

  61. Ciao Rosario,
    devi farti visitare da un collega andrologo per escludere cause anatomiche, frenulo corto, balanopostite etc. Ci sono poi farmaci dedicati al problema che potrebbero essere utilizzati sino alla normalizzazione del timing

  62. dottore grazie per la risposta, lei mi potrebbe consigliare qualche suo collega,come posso fare per prenotare una visita, io abito a napoli…. attendo sue notizie Ps ma l’asl non e possibile trovare un andrologo cosi pagherei solo il tichet dico questo perche da poco ho perso il lavoro….. grazie mille Rosario

  63. Egregio dott. Sto assumendo come prescritto dal mio andrologo Levitra 10 orosolubile con discreti risultati! Ora avendo la pressione un po alta ho fatto un ecg e pare potrei soffrire di ipertiroidismo sub clinico tachica.rdia ecc… Farò visita endocrinloga ho2 noduli sono molto spaventato, pensa che potrò continuare con Levitra?grazie infinite davvero x il suo lavoro.

  64. Salve dottore, sono un ragazzo di 22 anni; sotto la pelle del pene ci sono tanti puntini bianchi come se fossero dei brufoletti, è da molto tempo che ce li ho e non me ne sono preoccupato, pensando che sparissero da soli. E’ il caso che cominci a proccuparmi?..Grazie

  65. Ciao sonp una ragazza di 26anni da tre mesi cioe tutta l estate p smesso le pillo e da circa due sett o ricominciato a prenderle di nuovo ma npn compaipno le mestruazione e normale che non ci siano

    • Ciao Laura,
      se hai iniziato l’assunzione della pillola anticoncezionale come indicato al primo giorno di ciclo è normale che non si siano ancora verificate le prossime mestruazioni, che arriveranno alla fine del blister se è da 21 giorni o, nel caso sia a 28 giorni, durante le pillole placebo. Stai tranquilla e prosegui l’assunzione con regolarità, vedrai che il ciclo arriverà.

      Seguici anche su Facebook, Google+ e Twitter @SaluteLuieLei

  66. gentile Dottore mi servirebbe un suo parere a riguardo del calo del desiderio che ho da più di un mese. Attualmente ho 35 anni ma già a partire dall’età di 25 anni avevo notato un calo del desiderio, seppur lieve, ma ora può anche passare una settimana ma mi manca quasi del tutto lo stimolo alla masturbazione. Sono stato da un andrologo a luglio che mi ha fatto eseguire gli esami sugli ormoni: FSH 13.2; LH 6.0; Prolattina 21.1; testosterone 4.96 e testosterone libero 27.9; TSH 0.970. Ho anche eseguito l’urinocoltura la quale è risultata negativa e la spermiocoltura dalla quale si è evidenziata la presenza dello Streptococco ß emolitico gr.B. L’andrologo mi ha consigliato allora di effettuare la cura a base di Augumentin 2 volte al giorno per 20 giorni, e questo mi ha portato effettivamente a un notevole miglioramento nelle erezioni e sopratutto nella durata, però dopo due settimane, la situazione è andata via via progressivamente peggiorando. Ho rieffettuato la spermiocoltura ma ora risulta negativa. Il problema è che di recente in un rapporto con una ragazza si è ripresentato un problema che mi perseguita da tempo, cioè non riesco a mantenere l’erezione nella penetrazione e questo mi ha fatto pensare che in realtà forse il problema potrebbe essere di natura psicologica. Sinceramente non so se rivolgermi nuovamente dal mio andrologo, oppure andare da uno psicologo, Lei cosa ne pensa? Grazie Tommy

  67. gentile dottore quest’anno ho compiuto 51 anni e da un anno a questa parte la mia vita è cambiata parecchio. A luglio di anno scorso, vuoi per una serie di fattori (bici da corsa a livello amatoriale, operato con metodo longo e sutura con stappler, no limitazioni sul cibo e bevande) sono rimasto a letto per una prostatite acuta. Mi sono recato da un primo urologo e dopo gli esami di rito è emersa una i.p.b.Secondo quest’ultimo tutte le mie difficoltà(ogni 8/10 gg. ricadute della sintomatologia, deficit minzionale ed erettivo, non avevano rilevanza clinica. ho continuato ad avere questi problemi per molti mesi. poi dalla letteratura del web ho appreso che potevo usare il cortisone. il medico di base me l’ha prescritto e da quel momento ho iniziato a trattare le ricadute (quelle dolorose) con topster. Il risultato è stato migliorativo ma continuavo ad avere problemi minzionali importanti. Ho deciso di farmi vistare da un altro specialista urologo presso una struttura sanitaria. Gli esami hanno riconfermato i.p.b. e siccome nelle urine erano presenti ancora leucociti la terapia è stata bactrim per 10 giorni. topster per 6 giorni e 30 gg. di pradiff. Con quest’ultimo farmaco mi è sembrato di rinascere. Tutto notevolmente migliorato. Scaduti i 30 giorni ho naturalmente sospeso il pradiff ma dopo pochi giorni il problema minzionale si è puntualmente ripresentato. Allora ho chiesto al medico di base se potevo prenderlo ancora e lo stesso non ha fatto obiezioni. Fatto sta che trascorsi 15 giorni di pradiff ho vissuto la prima esperienza di una eiaculazione retrogada. LA cosa mi ha un po scioccato (spiegare alla moglie il perchè) e ho deciso di interrompere, ma dopo due giorni i soliti intollerabili problemi minzionali. Ora le scrivo perchè si dice che il cialis 5 mg può essere d’aiuto anche nelle ipb. secondo lei il cialis può essere usato al posto del pradiff? In appendice le dico che soffro, o meglio soffrivo di ipertensione. poi ho cambiato abitudini alimentari e ho perso una decina di kg. migliorando la pressione, tanto che assumendo il pradiff potevo fare a meno del lacirex. ringraziandola anticipatamente
    have a great day
    leo

    • Caro Leo, Ha racchiuso in una lettera TUTTO lo scibile urologico, complimenti. Che altro dirle, il cialis può effettivamente ridurre i due problemi ( basta vedere il bombardamento televisivo che sta facendo la Menarini ) , la terapia in questo caso dovrebbe essere giornaliera con un certo impegno economico

  68. Salve dottore, avrei bisogno di un suo parere sul tema dimensioni/consistenza dell’erezione. ho letto infatti su un sito che se il rapporto tra lunghezza e circonferenza supera il risultato di 1,32(ovvero è piu lungo di quanto dovrebbe in rapporto alla circonferenza) ci potrebbero essere problemi nell’erezione. tenga conto che ho 21 anni e scarse esperienze sessuali,ma anche nella semplice masturbazione ho notato che se la interrompo per una manciata di secondi, tendo a perdere un po di “consistenza” nell’erezione..magari è normale, ma ho pensato di chiedere. le mie dimensioni in erezione sono 14 in lunghezza(non bone-pressed e misurato da sopra e non di lato) e 11 in circonferenza. come trova questa proporzione?e soprattutto trova anomala la circonferenza?ho notato infatti anche qualche difficoltà nella scelta del preservativo e non sono sicuro della corretta predisposizione per la taglia 52 che mi pare la minima che si trova in commercio in italia e la cosa mi preoccupa un po.

  69. Salve dottore lo sa che alla seconda visita da un altro cardiologo non è risultato niente ne al ecg ne l ecocardio, Ormoni tiroidei nella norma e nodulo non sospetto ridotto di 6 mm!! Consigliato cmq endocrinologo xessere proprio sicuri.. Direi bene! No?a ecco volevo metterla al corrente. Grazie infinite! Arrivederci.
    e

  70. buongiorno sono il sig. fabio di anni 55,
    le devo chiedere gentilmente sulla mia situazione del mio pene, ultimamente non riesco ad avere una erezione con la mia compagna sono andato da un andrologo mi ha visitato e mi ha fatto un’esame con il rigiscan molto costoso, risultato la prima sera niente erezioni la seconda cosi la terza c’e’ stata 3 erezioni. il dottore ha detto che si tratta di una DE pisicologica. mi ha consigliato del cialis 5 mg e da tre mesi sono in cura con questo farmaco, risultato non riesco a fare la penetrazione oppure quando entro poi devo uscire e non riesco a soddisfare la mia compagna, ultimamente ho diminuito a 2,5 mg e nel mio corpo e’ risultato del prurito nelle gambe e sulle braccia ho telefonato all’andrologo e ha detto di smettere, le volevo dire che non ho nessun problema di diabete, pressione ok colesterolo 185 totale trigliceridi a 86 e’ tutto ok. io credo che sia un problema di lavoro e di stress lavoro fino alle ore 22,30 di sera e sono stanco. le chiedo se il prurito che mi e’ venuto e adesso non c’e’ e’ una cosa passeggera oppure riprende di nuovo, da notare che ho avuto dei effetti collaterali con abassamento di pressione una volta solamente poi non e’ piu’ visto. secondo lei e’ una DE oppure solo stanchezza.
    aspetto una sua risposta.
    grazie

    fabio

    • Ciao fabio,
      il tuo andrologo ha probabilmente ragione perché la tua disfunzione, sia da quello che racconti che dall’irregolarità con cui si verificano i tuoi problemi, sembrerebbe di natura psicologica. Uno dei fattori scatenanti la disfunzione erettile può essere proprio un momento di particolare stress e stanchezza nella propria vita. Per approfondire i tuoi dubbi riguardo invece agli effetti collaterali di cui parli puoi consultare il Dott. Andrea Militello, il nostro Urologo Andrologo, nella sezione ‘Parola all’Andrologo‘.

      Seguici anche su Facebook, Google+ e Twitter @SaluteLuieLei

  71. Egregio Professore, sono stato sottoposto a Prostatectomia Radicale Robotica nell’Aprile scorso e, al controllo, il chirurgo mi prescrisse cura semestrale (ripetibile) con Cialis 10 mg che intendo iniziare. Le chiedo: 1)l’assunzione deve essere giornalera (o all’occorrenza)? 2) In caso di assunzione giornaliera, con la pressione minima solitamente a 95, potrei optare per Cialis 5mg? 3)Analizzando i costi del farmaco mi consiglia di tagliare(precisamente) quella da 20mg?
    (precisamente)

  72. Dott sono un ragazzo di 28 anni fino ad oggi ho sempre avuto rapporti normali con mia moglie non a caso abbiamo una bambina di nove mesi da un po’ però sto avendo problemi di erezione e quando questa c’è arrivo entro non oltre un minuto cosa mi consiglia…la cosa mi sta turbando molto

  73. Salve dottore, ho 19 anni e dal mio primo rapporto, avuto a 16 anni duro pochi secondi, avendo sempre utilizzato il preservativo e riuscendo a mantenere l’erezione magari un rapporto durava una decina di minuti, anche se venivo dopo massimo una ventina di secondi.. Ultimamente però quando mi eccito mi viene subito lo stimolo di fare pipi, e non riesco assolutamente a controllarmi, mi sta capitando sempre più spesso di venire durante i preliminari.. Non ce la faccio più, sto con una ragazza da 2 anni e anche se è molto comprensiva ovviamente non è soddisfatta.. Cosa posso fare? Avevo pensato di rivolgermi ad uno psicologo, ma non so se sia la cosa giusta da fare.. Non ho avuto problemi durante l’infanzia ne niente, non so cosa fare.. Spero possa essermi di aiuto.. Grazie mille.

  74. Salve dottore, sono fabio 50 anni, va abbastanza bene le ho scritto qualche volta è mi è stato di aiuto. Una domanda col levitra da 10orosolubile
    a volte ho difficoltà ha mantenere erezione con viagra 50 decisamente meglio! È molto più potente ho è una sensazione mia? Grazie infinite

  75. Salve dottore, scusi se la disturbo di nuovo ma non so davvero come comportarmi, e vorrei cercare di risolvere la cosa al più presto perché mi sta creando davvero molto disagio.. La ringrazio in anticipo per una sua risposta..

  76. Buonasera dottore,
    ho 32 anni e da qualche mese ho problemi di eiaculazione precoce nei rapporti con la mia ragazza. E’ un problema che prima non avevo ed è andata sempre peggiorando nel tempo (duravo sempre meno), fino a che nell’ultimo periodo non riesco più a controllare per niente l’eiaculazione o comunque l’istinto dell’eiaculazione. Mi è capitato alcune volte addirittura di venire ancora prima della penetrazione. Ripeto all’inizio i rapporti che avevo con la mia ragazza erano normali e duravo anche abbastanza (30-40 minuti), poi di colpo non so cosa mi sia successo. Tutto questo cambiamento è accaduto comunque avendo rapporti sempre con una sola donna. D’altronde è un problema che non ho mai avuto neanche prima, con altre donne. Ho deciso di rivolgermi ad un andrologo e di esporre il mio problema. Ho fatto delle analisi (tiroide e spermiocoltura) e non risulta nessun valore fuori dai limiti e nessun problema. Mi ha consigliato di usare l’EMLA e il Priligy compresse. Nessuno dei 2 ha dato miglioramenti, neppure lievi e lascio immaginare lo sconforto e il senso di frustazione. Non so davvero cosa fare, anche perchè neanche con questi farmaci, oltretutto molto costosi, sono riuscito ad avere dei miglioramenti. Le chiedo un parere e possibilmente un consiglio. Ho letto su internet di esercizi che si possono fare per migliorare il controllo dell’eiaculazione, non so se sono davvero risolutivi… Grazie della sua attenzione, resto in attesa di una sua cortese risposta. Saluti

  77. Salve ho 44 anni sposato con 2 figli, il problema di eiaculare precocemente c’è quasi sempre stato, in alcuni casi anche dopo pochi secondi, ma la cosa strana e che in altri periodi duro anche 30 minuti e più.
    Spesso avverto anche bisogno e sensazioni di dover urinare, non so se è legato al problema, d’accordo con mia moglie ho deciso di andare da un medico per capire se si tratta di eiaculazione precoce o altre cause, mi potete consigliare se è indicato un urologo o andrologo? grazie

  78. Buonasera Doc, vorrei sapere se è statisticamente associabile alla normalità avere un testicolo decisamente più grande dell’altro. E’ una caratteristica che possiede anche mio padre e pare non avergli dato alcun problema, se non prettamente estetico. Grazie!

  79. Salve dottore, ho 19 anni e dal mio primo rapporto, avuto a 16 anni duro pochi secondi, avendo sempre utilizzato il preservativo e riuscendo a mantenere l’erezione magari un rapporto durava una decina di minuti, anche se venivo dopo massimo una ventina di secondi.. Ultimamente però quando mi eccito mi viene subito lo stimolo di fare pipi, e non riesco assolutamente a controllarmi, mi sta capitando sempre più spesso di venire durante i preliminari.. Non ce la faccio più, sto con una ragazza da 2 anni e anche se è molto comprensiva ovviamente non è soddisfatta.. Cosa posso fare? Avevo pensato di rivolgermi ad uno psicologo, ma non so se sia la cosa giusta da fare.. Non ho avuto problemi durante l’infanzia ne niente, non so cosa fare.. Spero possa essermi di aiuto.. Grazie mille.

  80. Salve sono un ragazzo di 17 anni.
    Sono fidanzato da 1 anno con la ragazza con cui ho avuto il primo rapporto. Soffro di eiaculazione precoce.
    Duro sempre poco e inizialmente riuscivo a rifarlo subito dopo per una o due volte aumentando di gran lunga la durata.
    Attualmente invece non l’erezione non ritorna subito.
    Ma il problema principale è la prima volta, dove duro massimo 3-4 minuti e non riesco a controllarmi quando sono arrivato al punto di non ritorno.
    Ho letto che masturbarsi un ora o due prima del rapporto può aiutare e in effetti aiuta, non di tanto ma aiuta, ma vorrei evitare questo metodo anche perché non c’è sempre la possibilità.
    Inoltre ho trovato su internet una tabella con degli esercizi kegel, strutturata in tre livelli: facili, medio, difficile; per una durata totale di 3 mesi. Ho praticato questi esercizi quasi sempre regolarmente; se vuole posso fargli avere tramite e-mail questa tabella, ma purtroppo non ha dato gli effetti desiderati. Tutto è rimasto come prima.
    Vorrei avere un aiuto da lei, senza andare da medici..

  81. Salve dottore mi chiamo Gerardo e ho 23 anni, ho letto attentamente la guida sull’ eiaculazione precoce le dirò ke quando ero adolescente sui 15-16 anni circa o avuto molti rapporti brevi perchè l’ho sempre fatto in posti molto strani, ad esempio scandinati di palazzi o per strada in posti dove le persone passavano di raro però avevo sempre l’ansia di essere scoperto e arrivavo subito. Ora a volte mi capita ke dura anke 15 minuti e a volte poki secondi, come posso risolvere il mio problema?Ho riscontrato anche che qualke anno fa dopo la 1 eiaculazione il mio pene rimaneva eretto e potevo tranquillamente farmi anke la seconda, da un anno a questa parte è aumentata la frequenza delle mie eiaculazioni precoci e dopo l’eiaculazione ho difficoltà a riprendere l’erezione del mio pene quindi sn costretto ad accontentarmi di una sola volta. Vi ringrazio per le risposte che mi darete distinti Saluti.

  82. Buona sera, ho 47 anni e a luglio di quest’ anno durante il rapporto con mia moglie mi è capitato di non mantenere l’ erezione come sempre. Sul momento non ho dato peso pensando alla stanchezza della giornata. A settembre mi è nuovamente capitato e a fine ottobre è persistito per tre volte, La sensazione è strana come se fosse anestetizzato, mi sono recato subito dal medico, prescrivendomi una serie di esami del sangue risultando tutto nella norma. La sua diagnosi è semplicemente stress prescrivendomi con la ricetta bianca 14 pastiglie di Ciali da 5 mg.
    Personalmente non sono soddisfatto anche se con questi 5 mg la differenza si vede vorrei capire di più anche se lui mi dice di avere pazienza.

    Grazie

  83. Ho già scritto su questa pagina ma senza risposte, lo riscrivo sperando di avere delle risposte questa volta:
    Salve sono un ragazzo di 17 anni.
    Sono fidanzato da 1 anno con la ragazza con cui ho avuto il primo rapporto. Soffro di eiaculazione precoce.
    Duro sempre poco e inizialmente riuscivo a rifarlo subito dopo per una o due volte aumentando di gran lunga la durata.
    Attualmente invece non l’erezione non ritorna subito.
    Ma il problema principale è la prima volta, dove duro massimo 3-4 minuti e non riesco a controllarmi quando sono arrivato al punto di non ritorno.
    Ho letto che masturbarsi un ora o due prima del rapporto può aiutare e in effetti aiuta, non di tanto ma aiuta, ma vorrei evitare questo metodo anche perché non c’è sempre la possibilità.
    Inoltre ho trovato su internet una tabella con degli esercizi kegel, strutturata in tre livelli: facili, medio, difficile; per una durata totale di 3 mesi. Ho praticato questi esercizi quasi sempre regolarmente; se vuole posso fargli avere tramite e-mail questa tabella, ma purtroppo non ha dato gli effetti desiderati. Tutto è rimasto come prima.
    Vorrei avere un aiuto da lei, senza andare da medici..

    • Ciao Roberto,
      capisco che il tuo problema sia frustrante e ti chiedo scusa per non averti risposto prima, purtroppo però non sono una dottoressa quindi non posso darti soluzioni o spiegazioni scientifiche. La cosa che ti consiglio è di rivolgerti a un medico andrologo e discutere con lui questo problema, o se vuoi fare prima un tentativo online puoi scrivere al dott. Andrea Militello, il nostro Urologo Andrologo, nella sezione ‘Parola all’Andrologo‘.

      Seguici anche su Facebook, Google+ e Twitter @SaluteLuieLei

  84. Caro Roberto, tra mail, sms, mms, e quant’altro , ogni tanto perdo una battuta. Una visita però la devi fare. Per escludere un frenulo breve o un problema locale che potrebbero essere responsabili dei tuoi problemi. E’ inutile che ti consiglio il farmaco. Dobbiamo prima capire il problema, poi se molto giovane e nel tempo sicuramente riuscirai ad acquistare un timing migliore. Fammi sapere

  85. Egregio Dottor Militello,
    Sono un ragazzo di 34 anni, da 4 felicemente fidanzato con coetanea. Il nostro è un rapporto molto particolare perchè lavoro a 1300km da lei e ci vediamo ogni 10gg + tutti i periodi di festa. In questi 4 anni da quando ci conosciamo ho avuto molti problemi lavorativi (titolare di 2 aziende con molti problemi, ereditate da mio padre deceduto a luglio 2010,, oggi una venduta’ l’altra in procinto di , ma sempre burrascosi, per di più aggravati nell’ultimo mese) che hanno però sempre fortunatamente pregiudicato praticamente nulla nei ns.rapporti intimi. Anzi il sesso tra noi è sempre stato molto soddisfacente.Lei è molto esigente e non si accontenta quasi mai di provare solo orgasmi orali o stimolazione manuale ma vorrebbe sempre (giustamente) la penetrazione. Io mai avuto particolari problemi fino al….primo gennaio, quando durante penetrazione sono arrivato prima di lei, non riuscendo a soddisfarla pienamente. Poco male, qualche volta è successo anche in passato ma poi tutto ok. Stavolta però la cosa si è ripetuta il giorno dopo, suscitando in me (ed in lei) molta frustrazione, tanto che da quel giorno in poi..stop. Mi sono bloccato totalmente: nei gg successivi iniziando i preliminari tutto regolare, ma poi dopo poco scattava in me qalcosa di psicologico che mi faceva perdere del tutto l’erezione e non siam più riusciti a proseguire: solo una volta son riuscito, dopo sua stimolazione manulale, alla penetrazione ma non molto “convinto” e per giunta, ho avuto un orgasmo così, senza esser troppo eccitato, ed ovviamente senza soddisfarla…morale: peggio di prima, morale sotto i tacchi, frustrazione, depressione. Lei cerca di starmi vicino in tutti i modi, è bravissima, la amo, mi dice di cercar di star tranquillo perchè conosce le mie reali capacità, ma io non riesco più a sbloccarmi! Sarà forse dovuto all’ulteriore stress lavorativo grave sopragiunto in queste ultime settimane? Oppure il mio blocco è dovuto alla cosidetta ansia di prestazione? Cosa mi consiglia come rimedio? Sono davvero affranto…
    Grazie per qualsiasi aiuto mi potrà suggerire
    Cordiali saluti

    • Gentile “Folletto”
      chiaramente è subentrata una forte componente psicogena.
      Le consiglio una visita/colloquio con il sessuologo.
      L’ Andrologo , in maniera più pratica, tenderebbe a favorire l’erezione artificialmente allo scopo di recuperare l’autostima e la serenità della coppia

  86. Gentile dottore salve è un bel po che non ci sentiamo le volevo porle una domanda, lei una volta mi ha detto che l ansia da prestazione spesso è più forte del farmaco,È così vero! A volte mi accorgo di non avere punta voglia di fare sesso, è li che spesso ce’ il “flop” ora io ho fatto visita da andrologo ma solo manuale prostata nella norma, secondo lui solo adp ho quasi 50 anni, fumo 10-12 sigarette non bevo, alimentazione sana, un po di palestra, e purtroppo 15 gocce en x dormire. Sarà il caso di fare anche esame testosterone e ormoni vari? Che dice!.scusi x la lungaggine. Un caloroso saluto e infinite grazie! Fabio.

  87. Gentile dottore, esistono vari generici del viagra, ma dipende dalla risposta individuale, ho qualcuno è meglio o peggio dell altro?. Ovviamente tenendo sempre presente il mio problema con l ansia. La ringrazio x il suo. Servizio.

  88. Esimio Dottore,
    sono un “ragazzo” del ’68 e da anni soffro di eiaculazione precoce.
    Faccio sesso solo con mia moglie (del ’70), da sempre pratichiamo il coito interrotto e sono circonciso.
    Quando ero un più giovane, per risolvere il problema dell’eiaculazione precoce, anticipavo i tempi del mio primo orgasmo, in modo che il secondo diventasse quasi sempre interminabile con mia grande soddisfazione e prestazione erettile.
    Ora però non lo sono più e non riesco a sostenere più quei ritmi, perché il primo orgasmo mi appaga completamente e non riesco più ad avere in breve tempo una seconda erezione. Non ce ne sarebbe nemmeno il tempo, atteso che sia io che mia moglie siamo stressati da lavoro e dalla vita (con due figli di 11 e 12 anni), per cui quando ci incontriamo a letto spesso lei più di me è stanca e quindi…
    Forse l’età e la stanchezza, ma sicuramente complice anche la mi patologia, da qualche anno i nostri rapporti si sono diradati.
    Mia moglie non ne soffre, io invece mi sento ancora energico ed il digiuno forzato a cui mi costringe mi mette di malumore.
    Ma cerco di non forzare ed allora accade che l’astinenza aggrava la mia eiaculazione precoce.
    Ma non mi spiego come mai questa precocità si manifesti solo all’atto della penetrazione. Non mi accade lo stesso nei rapporti orali, che ci scambiamo sempre come preliminari e che per quanto mi riguarda potrebbero durare ore.
    Anzi ormai riesco ad accontentare mia moglie solo con rapporti orali e pratiche masturbatorie, poiché da tempo la penetrazione dura pochi secondi.
    Per allungare i tempi devo limitarmi ad una penetrazione senza movimenti, concentrandomi su altro e martoriandomi il pene quando sento salire la voglia.
    Ma tutto va a scapito della qualità del rapporto che perde la sua naturalezza.
    Mia moglie dice di sentirsi appagata anche così, ma io sono sicuro che lo fa per non impensierirmi e gradirebbe raggiungere un orgasmo anche con la penetrazione.
    Ho visto sul vostro sito che consigliate una farmaco: il Priligy, quali sono le controindicazioni? Cosa mi consiglia?
    Trovo imbarazzante andare a consulto da un medico…

  89. Salve dott.sono Marco o 18 anni e o un problema con il mio corpo da 1 anno circa il mio corpo si sta trasformando dasolo in una ragazza però io sono un ragazzo credo di avere un calo di testosterone e un aumento di estrogeni cosa passo fare lei mi può aiutare grazzie

  90. Buongiorno dottore…ho 19 anni…sono fidanzato stabilmente con una ragazza da qualche anno…e volevo spiegarle il mio problema.
    La prima volta che abbiamo provato a fare l’amore ho provato ad utilizzare un profilattico ritardante per prevenire un eventuale eiaculazione precoce ma il risultato è stato che inserendolo ho perso l’erezione a causa della crema anestetizzante ed è stato frustante, la seconda volta dopo un po di sesso orale sono arrivato ancora prima della penetrazione con un normale profilattico…dopo il secondo tentativo fallito adesso cerco di evitare il sesso…cioè mi viene spontaneo evitarlo per paura che possa accadere di nuovo…cosa posso fare??? ci sto male!! grazie

  91. Non devi trovare imbarazzo a parlare con lo specialista. Con i miei pazienti diventiamo amici in pochi minuti e ci confidiamo serenamente i nostri problemi ( chi non ne ha ? )
    il priligy è un liberatore di serotonina che in molti casi ha funzionato. Va assunto entro le due ore dal rapporto e le prime assunzioni è preferibile prendere la compressa stando distesi per eventuale insorgenza di malessere transitorio
    Rimango a disposizione

  92. Buongiorno dottore, volevo parlarle del mio problema…sono fidanzato da qualche anno con la mia ragazza ma quando è arrivato il momento di “FARLO” ho avuto per 2 volte una spiacevole situazione:
    la prima volta ho messo il profilattico ritardante per evitare una eventuale eiaculazione precoce, e appena l’ho inserito a causa della sua crema anestetizzante ho perso l’erezione…è stato frustante…il giorno dopo ci ho riprovato con un normale profilattico e dopo un po di sesso orale sono venuto prima ancora della penetrazione….terribile anche questa volta…da quel giorno cerco in tutti i modi di evitare il sesso per paura che possa accadere dinuovo :(…cosa posso fare??sto male per questo!…. spero in un aiuto…la informo anche che è la prima volta per entrambi…grazie

  93. Gent.Dottore ho 62 anni 5 anni fà ho iniziato ad assumere Cialis da 20 mg farmaco che ha funzionato piu che egregiamente,da tre anni ho scoperto di avere un’ipertensione arteriosa curata con alfabloccante e sartani purtroppo,e la cosa è stata repentina,il cialis funziona male e se funziona con molto ritardo.Può questo fatto essere imputato ai farmaci ipertensivi che assumo.Grazie

  94. Salve dottore volevo farli delle domande io ho un ragazzo e questo mese lo abbiamo fatto tre volte . Il nostro rapporto non protetto durava in media un ora io per protezione li chiedevo di non venire ed é quello che ha fatto non é mai venuto.. ma é possibile che un ragazzo riesca a non venire per sua scelta???

  95. Salve Dottore,
    Mi chiamo Gennaro ed ho 20 anni .
    La contatto per avere delle informazioni riguardante la circoncisione,io non
    riesco a scappellare il glande .Questo mi credi problemi,in quanto non riesco
    ad avere rapporti sessuali per paura che si rompi il frenulo .
    Quindi volevo chiederLe : Posso avere rapporti pur non riuscendo a scappellare
    ? è pericoloso? e quali potrebbero essere gli eventuali rimedi?
    In attesa di una risposta La ringrazio e Le auguro buona giornata .

  96. Operato di prostata dicembre 2013 con rispamio nervi soltanto dx. Prendo cialis 5mg./die, da quasi due mesi, posso passare al cialis 20mg. ogni 3 giorni per il terzo mese? Grazie.

  97. salve dottore, io soffro da sempre di eiaculazione precoce.
    ho eseguito anche una frenulotomia ma questo no ha migliorato nulla! neanche riesco ad avere un vero rapporto perche vengo in pochi secondi con i preliminari.
    che posso fare?

    • preciso che ho raccolto moltissime informazioni, dal momento che ho 20 anni e ho da sempre questo problema.
      credo che sia causa di un ipersensibilità del glande e anche di un problema del muscolo pubococcigeo. ho anche un varicocele di basso grado, non so se questo influisce in qualche modo.

      • salve dottore, io soffro da sempre di eiaculazione precoce.
        ho eseguito anche una frenulotomia ma questo no ha migliorato nulla! neanche riesco ad avere un vero rapporto perche vengo in pochi secondi con i preliminari.
        che posso fare?
        preciso che ho raccolto moltissime informazioni, dal momento che ho 20 anni e ho da sempre questo problema.
        credo che sia causa di un ipersensibilità del glande e anche di un problema del muscolo pubococcigeo. ho anche un varicocele di basso grado, non so se questo influisce in qualche modo.
        probabilmente l’ EP è legata anche al fatto che mi masturbavo di nascosto in bagno e facevo veloce per non farmi scoprire.

  98. preciso che ho raccolto moltissime informazioni, dal momento che ho 20 anni e ho da sempre questo problema.
    credo che sia causa di un ipersensibilità del glande e anche di un problema del muscolo pubococcigeo. ho anche un varicocele di basso grado, non so se questo influisce in qualche modo.

  99. buongiorno,mi hanno regalato una scatola di erecto100.l’hanno comprata a sharm in egitto..il principio attivo è il silfenadil..ne ho preso un quarto,cioe’ 0,25,ha funzionato molto bene..domanda..ma siamo sicuri che il viagra egiziano sia innocuo come il nostro?ho 58 anni e un aiuto comincia a volermici,grazie.

    • Ciao Lino,
      prima di tutto è importante sapere che le versioni generiche del Viagra, ovvero a base di Sildenafil, sono perfettamente legali in quanto il farmaco della Pfizer non è più coperto da brevetto. Detto questo, non posso garantire la sicurezza di un farmaco egiziano che non conosco, ma quello che posso dirti è che prima di iniziare ad assumere qualsiasi trattamento farmacologico anti impotenza è sempre bene rivolgersi a un medico o effettuare un consulto medico online sui siti di cliniche sicure (as esempio su questo sito potrai trovare tutte le informazioni sui farmaci anti impotenza e l’aiuto di uno staff medico), per sfatare eventuali controindicazioni (ad esempio problemi cardiaci o di pressione, ma non solo) che potrebbero portare a complicanze.

      Seguici anche su Facebook, Google+ e Twitter @SaluteLuieLei

  100. Salve dottore ho 22 anni e soffro di eiaculazione precoce…volevo chiederle visto che voglio provare priligy generico se posso utilizzare direttamente quello da 60mg per essere sicuro di un funzionamento o devo obbligatoriamente utilizzare quello da 30mg….attendo unasua risposta

    • la ringrazio…un ultima curiosità…dopo una settimana dall’utilizzo dovrei fare esami completi del sangue compreso il drug test (causa concorso)…crede che un suo utilizzo di circa una settimana possa alterare l’esito degli esami?
      grazie ancora per l’attenzione

  101. Salve, vorrei esporre il mio problema, ho 26 anni e ho sofferto di ansia e depressione tanto da prendere farmaci all’età di 20 anni per due anni!! Ho sempre sofferto di eiaculazione precoce e quando mi sono fidanzato a 20 anni preciso il mio psichiatria mi ha fatto iniziare una cura con Zoloft…. Esagerato tutto ok avevo il pieno controllo della situazione. Dopo tre anni mi sono lasciato e ho iniziato a scalare zoloft per fortuna non avendone più bisogno per l’ansia… Ho riiniziato a frequentare una ragazza che mi piace e vorrei starci insieme ma non ci sono riuscito causa ep…. Tornato dallo psichiatra sconsolato e depresso mi ha sottoscritto nuovamente Zoloft 50 mg ( prima ne prendevo 200). Ma purtroppo non sta facendo effetto anzi…. Dopo la prima ep ( circa 10 spinte) non riesco a fare nemmeno la seconda perché per un ora circa ho il pene anestetizzato!! Esiste una soluzione per un caso grave come questo??! Grazie mille spero in una risposta

  102. Salve dottore sono Paolo un uomo di 40 anni, le scrivo per saperne di più su un problema. sono fidanzato con una ragazza da circa 6 , mesi non ho mai avuto problemi di rapporti sessuali e di desiderio sessuale, da qualche giorno mi accorgo che il mio desiderio sessuale è calato, questo mi provoca ansia e agitazione, due volte non sono arrivato all’eiaculazione durante un rapporto orale ” non mmi era mai successo”; ora tutto cio mi mette ansia e agitazione con la mia compagna.
    la mattina ho normali erezioni, ma durante il giorno niente si muove la sotto. ho la sensazione che sembri tutto piccolo,
    mi devo preoccupare cosa mi consiglia di fare?.
    cordiali saluti Paolo

  103. Mi scusi una curiosità…dopo una settimana dall’utilizzo di priligy dovrei fare esami completi del sangue compreso il drug test (causa concorso)…crede che un suo utilizzo di circa una settimana possa alterare l’esito degli esami?
    grazie per l’attenzione

  104. Salve dottore, ho 23 anni ed ho scoperto l’esistenza di alcune pillole completamente composte di erbe che aiutano ad per un rapporto sessuale come il SENSOVIT…come il ragazzo sopra anch io ho un concorso e dovrò effettuare il drug test; volevo chiederle se il sensovit possa risultare come sostanza stupefacente…aspetto una sua risposta.

  105. Salve dottore
    vorrei chiederle un parere . Mia moglie assume la pillola anticoncezionale da ormai diversi anni ( 20 anni circa) e questo mese dietro accordo della ginecologa ha cambiato la pillola perchè non aveva mai un ciclo regolare.
    Ha iniziato a prendere la nuova pillola come le è stato prescritto il primo giorno del ciclo.
    Adesso le mancano 7 pillole alla fine della prima scatola e la cosa strana è che da qualche giorno lamenta dolore al seno in mdo particolare al capezzolo. Siccome abbiamo già 2 figli e questi sintomi li h agià avuto quando è rimasta incinta la cosa ci ha insospettito.
    Questo mese abbiamo avuto rapporti sessuali sicuri si esser protetti dalla nuova pillola. Mi moglie ha sempre preso regolarmente la pillola ma a questo punto ci viene da chiederle: può essere che anche avendo osservato il tutto lei sia rimasta incinta?
    Attendo risposta
    Grazie

  106. Salve dottore.. Sono un ragazzo di 19 anni e ho un problema.. Per venire direttamente al dunque, io credo di soffrire di eiaculazione precoce.. innanzitutto perchè ho notato che nei preliminari con la mia ragazza, mentre lei mi tocca e mi accarezza il pene io sento di arrivare dp nemmeno 15 secondi.. e a questo punto nn faccio che ritirarmi o fermarla.. guardandomi meglio credo sia per il fatto che da piccolo mi masturbavo velocemente ed ora ne pago le conseguenze.. volevo sapere di che tipo di problema si tratti.. e se c’è un modo per risolverlo perchè io delle volte in quelle situazioni mi sento un po affranto e sconsolato.. posso infine dire che nel rapporto sessuale, non andando ad una velocità esagerata, arrivo a volte anche ai 5 minuti.. ma è raro.. mi può aiutare dottore? per me stesso ma anche perchè in assoluto non voglio ke questo rovini il nostro rapporto d’amore.. Intanto vi saluto e vi ringrazio per la risposta.. Buona serata

    • Ciao,
      vista la giovane età, non posso permettermi di darti consigli farmacologici, ma ti consiglio di eseguire una visita , colloquio con il sessuologo clinico. risolverarai in breve tempo. . Hai escluso la presenza di un fernulo corto ?

      • Gentile Dottore, io avevo fatto un altra domanda, non sono io quello che ha fatto la domanda che Lei mi ha inviato. Ho visto nella pagina del Suo sito, e la mia domanda è la successiva a quella che Lei mi ha inviato. Spero tanto che possa rispondere alla mia. La ringrazio in anticipo. Cordialmente Rosario !

  107. ciao ho 25 anni e vi scrivo perchè credo di avere un problema di eiaculazione precoce secondaria.
    fino a 2 mesi fa avevo rapporti saltuari però ci voleva tempo prima di venire a volte creavo disagio anche alla ragazza di turno x la durata eccessiva …
    poi all improvviso mi è capitato di avere un rapporto dopve appena avvenuta la penetrazione senza preliminari sono arrivato….pensavo fosse un caso isolato e non ci ho dato peso anche se nn mi era mai accaduto prima.
    con i rapporti successivi invece ho capito che il problema continuava ad esserci ed ora appena la ragazza apre la cerniera e tocca il mio pene dopo pochi secondi vengo … non so come fare xke sta diventando veramente un problema potete aiutarmi grazie.
    dimenticavo tempo fa feci una visita dall urologo x routine e mi disse che l unico problema se cosi si puo chiamare e che avevo il frenulo corto che mi poteva portare ad avere problemi di ep xo gli risposi che non era il mio caso anzi era l opposto e lui con un sorriso mi rispose meglio ciosi …
    le chiedo puo capitare che col tmpo potrebbe essere aumentata la sensibilita e quindi sia qll il prob

  108. Salve dottore, mi scusi se la disturbo, ma ho un dubbio. Ho iniziato per la prima volta l’assunzione della pillola anticoncezionale lo scorso mese, ma non il primo giorno di ciclo, circa il settimo, ovvero esattamente il giorno in cui la ginecologa mi aveva prescritto la pillola. In questo periodo ho sempre utilizzato altri metodi contraccettivi dato che non avevo preso la pillola correttamente il primo giorno di ciclo e la copertura non era assicurata.Durante i sette giorni di sospensione mi è arrivato regolarmente il ciclo, ma molto meno doloroso e meno abbondante. Ieri sera ho cominciato il secondo blister: ora posso essere certa del totale effetto contraccettivo a partire dal secondo blister? E di conseguenza posso avere tranquillamente rapporti completi? La ringrazio in anticipo.

  109. Salve dottore, ho 24 anni, da aprile 2014 ho comimciato ad avere problemi di erezione.. La cosa sta andando sempre peggio… Le erezioni mattutine ad oggi sono assenti.. Raggiungo l’erezione con più difficoltà… Non riesco ad avere più rapporti multipli ravvicinati, eiaculo dopo parecchio tempo e l’eiaculazione mi sembra anche più liquida, e il pene mi sembra meno lubrificato.. Mi sembra tipo come se mi mancasse la voglia cosa che prima era tantissima, vorrei anche precisare che ho usato pilus con finasteride però a dicembre 2012 e non mi ha causato mai problemi per tutto il tempo di utilizzo tranne un piccolo calo della libido, e un infiammazione dell’apparato urinario e ho finito di utilizzarlo, ho esposto il mio problema al curante e ho eseguito tutti gli esami ematocrito i necessari compreso gli ormonali e sono risultati tutti nella norma.. E mi ha detto non ti preoccupare forse sei agitato e stressato sarà una situazione psicologica momentanea.
    Ad oggi non ho ancora risolto.. Spero che lei possa rispondere a ciò. La ringrazio in anticipo e le auguro una buona giornata

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s