Come funziona il ciclo mestruale?

ciclo mestruale
Il ciclo mestruale dura in media 28 giorni (questo significa che è normale averlo di 25 o di 36 giorni). Per definizione si considera come inizio del ciclo mestruale il primo giorno delle mestruazioni.

Primi 5 giorni del ciclo, le mestruazioni

Durante i primi 5 giorni del ciclo si hanno le mestruazioni. Quello che si perde è un misto di sangue e tessuti:  si tratta dello sfaldamento della superficie interna dell’utero, chiamata endometrio.

mestruazioni

Maturazione dell’ovulo

Negli stessi giorni, il cervello sta già comandando all’ipofisi di iniziare a produrre due ormoni: l’ormone lutenizzante LH e l’ormone follicolo stimolante FSH. Questi ormoni provocano l’inizio della maturazione dei follicoli, le piccole sacche nelle quali sono conservati gli ovuli, all’interno dell’ovaio.

ciclo del follicolo nell'ovaio

Mano a mano che maturano (ci metteranno 13-14 giorni), i follicoli emettono un ormone, l’estrogeno, la cui principale funzione è quella di ispessire le pareti interne dell’utero (l’endometrio). L’endometrio è il tessuto sul quale si potrà successivamente impiantare l’ovulo eventualmente fecondato. L’aumento dei livelli di estrogeno corrisponde anche alla diminuzione e quindi alla fine delle mestruazioni.

Ciclo dell'endometrio

L’estrogeno, inoltre, permette il verificarsi di un altro importante fenomeno: il muco cervicale aumenta e diventa più viscoso. Questo è un segnale che le coppie che desiderano una gravidanza dovrebbero guardare:  se si fa sesso in questi giorni è minore la probabilità di rimanere incinta.

Curiosità: quando una bambina nasce ha già nel suo organismo tutti gli ovuli che le serviranno: circa 450mila. Gli ovuli sono conservati nelle ovaie all’interno di piccole sacche chiamate follicoli. Durante la pubertà, inizia la produzione di alcuni ormoni che causano la maturazione dei primi ovuli. Quando la produzione di questi ormoni si interromperà la donna entrerà in menopausa.

L’Ovulazione

Verso il 12° giorno del ciclo, l’estrogeno (che ha quasi raggiunto il suo massimo) determina un picco di produzione dell’ormone LH. Questo ormone, la cui azione durerà per 48 ore, interagisce con i follicoli portando a maturazione l’ovulo e permettendone il distacco dal follicolo. E’ appena avvenuta l’ovulazione: siamo al 14° giorno.

Da quel momento in poi il livello dell’estrogeno si andrà abbassando. L’ovulo viene trasportato all’interno delle tube di Fallopio.

Che succede se l’ovulo viene fecondato? La fecondazione, qualora avvenga, avrà luogo nella parte più bassa delle tube di Fallopio. L’embrione in sviluppo impiegherà 3 giorni per raggiungere l’utero e altri 3 per impiantarsi nell’endometrio. A quel punto inizierà la gravidanza.

ovulazione

Cosa succede se l’ovulo non viene fecondato? L’uovo rimane nelle tube di Fallopio per 24 ore. Qualora entro le 24 ore non venga fecondato, si dissolverà.

Formazione del corpo luteo

Le ovaie nel frattempo sono al lavoro. Il materiale follicolare che è rimasto dopo l’ovulazione si consolida e aumenta di volume, costituendosi in quello che viene definito il corpo luteo. Questa struttura, una volta formata, inizia a rilasciare molte sostanze ormonali, tra cui il progesterone. Il corpo luteo vive per 14 giorni, in seguito ai quali degenera. Il rilascio di progesterone indica al cervello che non è ancora il momento di ripartire con la produzione di FSH e LH.

Il progesterone ha anche l’effetto di alzare la temperatura basale della donna. Per questo controllando la propria temperatura si capisce quando è avvenuta l’ovulazione.

CURIOSITA’ Proprio su questo meccanismo gioca la pillola anticoncezionale: assumendo progesterone in eccesso si inganna il nostro cervello facendogli pensare che l’ovulazione sia già avvenuta. Si bloccherà quindi la produzione di FSH e LH e ovaie e follicoli rimangono a riposo. Per avere più informazioni sulle pillole contraccettive più vendute e consigliate, differenze e indicazioni, visitate il sito della farmacia online inglese 121doc.it.

Poiché il corpo luteo è tenuto in vita dalla presenza di LH e FSH, una volta che questi diminuiscono, anch’esso si deteriora ed atrofizza. Quando il corpo luteo cessa di funzionare e quindi smette di produrre progesterone, l’endometrio si deteriora e inizia a sfaldarsi causando la mestruazione.

ciclo mestruale

I test di gravidanza Quando l’ovulo viene fecondato, l’embrione produce un ormone molto simile all’LH che preserva il corpo luteo e gli permette di continuare a produrre progesterone. Poiché questo ormone è unico, i test di gravidanza guardano proprio alla presenza di questo ormone, chiamato hCG.

Il periodo più fertile Il periodo più fertile (quello in cui è più probabile rimanere incinte a seguito di un rapporto sessuale) sono i 5 giorni prima e i 1-2 giorni dopo l’ovulazione. Solitamente corrisponde alla seconda settimana e l’inizio della terza.

Segui Salute Lui & Lei anche su Facebook 

Sono incinta?

Molte donne non si accorgono di essere rimaste incinte fino a quando non verificano di essere in ritardo con il loro periodo. Eppure ci possono essere alcuni sintomi che possono aiutare a capire, molto per tempo,  se si è incinta:

  • nausea
  • un gusto metallico molto strano in bocca
  • ipersensibilità del seno, formicolio
  • ingrossamento del seno
  • maggiore evidenza dei ‘tubercoli di Montgomery’ sui capezzoli
  • dolori allo stomaco
  • Stanchezza
  • Stipsi
  • Sentire il bisogno di urinare con maggior frequenza
  • non tollerare più bevande come il caffè o i cibi grassi.
  • Aumento della secrezione vaginale
  • Alcune donne soffrono di sanguinamento molto leggero (chiamato ‘spotting’) che scambiano per il loro periodo

Se avete avuto uno o più rapporti sessuali non protetti e sperimentate uno di questi sintomi in un periodo lontano dal vostro ciclo mestruale, significa che potreste essere incinte. Per togliersi ogni dubbio si può comodamente sottoporsi ad  un test di gravidanza, di quelli che con meno di 20 euro si trovano in farmacia.